Trascorrere del tempo in mezzo alla natura ti libera da tensione, ansia e stress. Ecco perché

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Stare in mezzo alla natura ci fa stare bene.

Ci dona energia.

Ci libera dallo stress.

Riposare all’ombra di un abete… immergere i piedi nell’acqua fresca di un torrente di montagna… sdraiarti su un prato e osservare i movimenti delle nuvole… fare una passeggiata in un bosco… sono tutte pratiche che l’essere umano ha sempre amato.

Alcune persone amano la vista di panorami mozzafiato.

Altre adorano stare ad ascoltare i rumori della natura, come il soffiare del vento o il cinguettio degli uccellini.

Altre ancora non resistono al camminare scalze sull’erba, quando magari è ancora presente la rugiada del mattino.

Insomma, noi esseri umani amiamo la natura. E sono innegabili gli effetti positivi che questa ha sul nostro fisico e sulla nostra mente.

  1. Vuoi essere felice? Trova dei momenti per stare a contatto con la natura

Certo, sicuramente esistono persone che amano la natura più di altre.

Tuttavia, il fatto di “essere connesso” agli elementi naturali è una caratteristica di ogni essere umano.

Come mai?

Molto semplicemente, perché fa parte del nostro dna genetico.

Secondo il Dott. Mathew White (uno psicologo di fama mondiale, famoso per i numerosi studi riguardo alla correlazione fra psiche e natura), chiunque dovrebbe trovare dei momenti in cui rilassarsi in un prato o in un bosco.

In una delle sue ultime ricerche, pubblicata sulla rivista “Scientific Reports”, evidenzia che l’essere umano ha vissuto milioni di anni in mezzo alla natura. Di conseguenza, è impensabile che in pochi decenni questo patrimonio genetico venga spazzato via come sabbia lanciata al vento.

L’essere umano ha bisogno della natura per sopravvivere. È una necessità che ognuno di noi ha dentro, come quella del mangiare, del bere o del dormire.

Ovviamente, rispetto ai bisogni fisiologici appena citati, l’assenza del contatto con la natura presenta effetti negativi meno evidenti a breve termine.

Se non bevi, in pochi giorni muori. Se rimani chiuso in appartamento, resisti molto più a lungo.

Tuttavia – come purtroppo molte persone sperimentato in prima persona durante la quarantena per il Coronavirus – l’assenza di elementi naturali causa gravi danni all’essere umano.

E questo, nella società attuale, è un grave problema per tantissime persone.

Pensa che un’indagine statistica condotta da “YouGov” (l’azienda di raccolta e analisi di dati statistici più grande al mondo) ha evidenziato che su un campione di 17 mila persone, il 52% degli intervistati sostiene di trascorrere meno di un’ora a settimana in mezzo alla natura – e purtroppo, in Italia la percentuale sale al 66%.

Non è un caso infatti se via via con l’allontanarsi dell’uomo da ambienti naturali, di pari passo aumentano anche i casi di attacchi di panico, ansia e depressione.

Per carità, vivere in città offre svariati benefici.

Io stessa ho abitato in un centro urbano per oltre 20 anni. 

Tuttavia, chiunque ha a cuore la propria salute dovrebbe ricordare di concedersi dei momenti a contatto con la natura.

Non serve che ti trasferisca in un paesino da 300 abitanti. Però è necessario che tu impari a “sfruttare” al meglio il tempo che dedichi a te stesso, quanti sei a contatto con elementi naturali.

  1. È sufficiente poco tempo a contatto con la natura per cambiarti la vita. Però deve essere utilizzato al meglio

Non serve passare 24 ore al giorni immerso nel verde per eliminare lo stress. Sono sufficienti pochi minuti, ma devono essere utilizzati nel modo corretto.

Come gli animali, le piante emettono energia elettromagnetica. 

Quando l’uomo assorbe questo tipo di energia, sta bene.

Tuttavia, alcune persone sono più “recettive” di altre.

Magari ad alcuni è sufficiente la vacanza in montagna per liberarsi dallo stress. Ad altri serve molto più tempo.

Ecco che, la chiave per godere dei benefici che la natura ti può offrire, è imparare a riceve l’energia che la natura ti offre.

Mi sono resa conto molto bene di questo quando, ormai anni fa, mi sono trasferita in Trentino, in una valle grondante di verde.

Personalmente, avevo praticato discipline come lo Yoga, il Reiki, e tanti altri, praticamente da che ho memoria.

Tuttavia, dopo essermi trasferita in Val di Fiemme, ho notato che ogni arte e tecnica olistica risulta più efficace se praticata in un ambiente naturale.

Nel tempo, confrontandomi con amiche e insegnati, ne ho avuto conferma: quando ti prendi cura di te rilassandoti in mezzo alla natura e utilizzi alcune tecniche di rilassamento e meditazione, due giorni possono avere lo stesso effetto che avrebbe un mese intero di vacanza in montagna.

Ecco perché ho avviato il centro olistico “La Quercia Sacra” proprio in Val di Fiemme.

Gli effetti di ogni trattamento e ogni seduta che deciderai di regalarti, saranno amplificati proprio al contatto con la natura.

Non sarà una semplice vacanza in montagna, ma un vero e proprio percorso alla scoperta di te stesso.

Abbandonerai ansia e stress nel giro di un pochi giorni.

Sin da subito, ti sentirai ricaricato e con più energia.

Se vuoi scoprire come funziona questa vacanza un po’ “speciale” e capire la miglior soluzione per stare a contatto con la natura e ritrovare il tuo equilibrio fisico ed emotivo, allora clicca qui!

Alla tua armonia,

Francesca Pederiva

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
×

Ciao!

Seleziona con chi desideri parlare

×